Oltre 40 anni di presenza sul mercato + produzione propria in Cina e Indonesia

Peridoto (olivina) - significato ed effetto

In questa fase dell'anno, il peridoto verde ci aiuta a liberarci dall'eteronomia e a vivere la nostra vita secondo i nostri desideri e le nostre idee. Ci incoraggia a riconoscere i fallimenti, ad ammettere gli errori e a perdonare noi stessi, in modo da poter continuare a lavorare con forza verso la realizzazione dei nostri sogni, eventualmente dopo una correzione di rotta. L'intuizione e la saggezza crescono dalla ricchezza delle esperienze fatte finora.

Gli articoli in peridoto, come catene e pietre forate, sono disponibili nel nostro negozio all'ingrosso.

 

 

Bisogna baciare molte rane,

prima di trovare un principe. La situazione è simile con il peridoto: l'olivina è abbondante sulla terra e in molti luoghi del mondo, ma il peridoto è molto più raro. La differenza tra peridoto e olivina sta soprattutto nella purezza e quindi nel colore e nella trasparenza dei pezzi. Nel commercio al dettaglio e all'ingrosso, l'olivina è solitamente utilizzata per descrivere il minerale a grana fine e non lavorato. Mentre l'olivina si presenta in pezzi grandi come un pugno, il peridoto, più puro, si trova solo in piccoli cristalli di qualche centimetro. Per questo motivo, l'olivina si trova sul mercato principalmente come pietra burattata, pietra forata o ciambella, mentre il peridoto viene utilizzato come gemma tagliata e sfaccettata, come pietra per collane, anelli o pendenti.

 

 

 

Profilo scientifico del peridoto / olivina

Formula chimica: (Mg,Fe)2(SiO4) + Al,Ca,Mn,Ni,Co,Cr,Ti,Pt

Classe minerale: minerale di magnesio e ferro

Colore: verde oliva, verde bottiglia, giallo-verde, verde muschio, verde bruno. Il peridoto si presenta esclusivamente in varie tonalità di verde. I metalli coloranti sono ferro, nichel e cromo.

Lucentezza: vetrosa

Sistema cristallino: rombico

Durezza Mohs: da 6,5 a 7

Scissione: imperfetta, frattura: friabile, piccola mescola

Formazione: magmatica liquida primaria durante la cristallizzazione da magmi basici e ultrabasici o attraverso la formazione idrotermale in cavità sul fondo marino, raramente in meteoriti di ferro-nichel.

Sono note anche meteoriti contenenti grandi quantità di olivina, provenienti soprattutto dalla Russia. Questi cristalli di olivina formati extra-terrestri in una matrice di nichel-ferro sono noti come pallasite .

Presenza: Egitto (Isola di Zebirget), Australia, Austria, Brasile, Canada, Cina, CSI, Germania, Italia, Myanmar, Messico, Norvegia, Pakistan, Spagna (Lanzarote), Sudafrica, USA (Arizona).

I depositi di peridoto di maggiore qualità si trovano sull'isola vulcanica egiziana di Zebirget, nel Mar Rosso, a est di Assuan. Da qui proviene uno dei più grandi peridoti lucidati al mondo, che pesa 310 carati (62 g) e che si trova allo Smithsonian Museum di Washington.

Oggi, la materia prima per le pietre sfaccettate proviene per lo più dalla Cina settentrionale o dalla Corea; tuttavia, sono molto affascinanti anche le aree che si trovano sulle spiagge di lava nera di Lanzarote, dove si trovano pezzi più grandi di olivina, le cosiddette bombe di olivina.

 

Nomi e sinonimi

Non esistono fonti attendibili sull'origine del nome peridoto, ma solo congetture, anche se potrebbe derivare dal termine latino "paederos" (opale) o dall'arabo "faridat" (pietra preziosa). Il nome olivina si spiega facilmente con il suo colore verde oliva.
 
Il sinonimo Hawaiite per l'olivina deriva dalla sua presenza alle Hawaii. Nel 2018 è stato osservato un aumento dell'attività del vulcano Kilauea. Per un certo periodo, la roccia vulcanica olivina e piccoli cristalli di peridoto sono "piovuti" nelle sue vicinanze.

Nella cura delle gemme, il nome crisolito è comunemente usato anche per il peridoto e l'olivina.

Nell'antica Roma, il peridoto era noto anche come "smeraldo della sera", poiché la pietra può essere facilmente illuminata dalla luce di una lampada o di una lanterna grazie alla sua trasparenza.

Altri sinonimi che oggi si trovano raramente nel commercio all'ingrosso sono ialosiderite, talassacite e sideroskelpt.

 

Storia del peridoto

Il peridoto è citato nella Bibbia (qui con il nome di crisolito) in diversi punti. Ad esempio, si dice che fosse una pietra del pettorale di Aronne, il fratello di Mosè. Nel Libro dell'Apocalisse, è una delle dodici pietre preziose che si dice costituiscano le fondamenta della Gerusalemme celeste. Nel Medioevo, il peridoto era spesso utilizzato per i gioielli religiosi e nel periodo barocco era la pietra preferita dell'epoca.

Il peridoto e l'olivina sono disponibili nel nostro negozio online all'ingrosso sotto forma di pietre burattate, ciambelle, catene, collane e molte altre forme.

 

Effetto energetico del peridoto

Nella guarigione con le gemme, il peridoto e l'olivina sono spesso utilizzati come "pietra anti-anger" quando la vita quotidiana è caratterizzata da aspetti negativi. Il fresco colore verde del peridoto ha l'effetto di una passeggiata nell'allegro mese di maggio. La malinconia e i pensieri cupi si dissolvono, l'energia e l'iniziativa prendono il sopravvento con il supporto del minerale magmatico peridoto. I nuovi inizi sono facilitati dalla gemma verde oliva, le cose vecchie e pesanti possono essere lasciate alle spalle. Il peridoto trasmette gioia, tolleranza e serenità, aiuta a gestire i sentimenti feriti e a cancellare le colpe e le recriminazioni. In questo contesto, Hildegard von Bingen parla di "purificazione del cuore", che descrive particolarmente bene le qualità del peridoto.

Nel sistema dei chakra, il peridoto è assegnato al chakra del cuore e, secondo le considerazioni astrologiche, è particolarmente adatto ai Gemelli e al Leone.

 

Acqua gemmata con peridoto

Come pietra d'acqua, il peridoto incoraggia a vivere la propria vita e ad acquisire saggezza attraverso l'esperienza della vita. Gli errori e i fallimenti possono essere riconosciuti, ma anche perdonati. Il peridoto fa parte della miscela di acque per l'equilibrio delle gemme "Fontana della Giovinezza" e di vari prodotti VitaJuwel.


Peridoto con Hildegard von Bingen

La saggia monaca Hildegard von Bingen (1098 - 1179), che conosceva molto bene le gemme, scrisse a proposito del crisolito: "Il crisolito si forma dal calore del sole e dall'umidità dell'aria dopo il mezzogiorno, verso la nona ora del giorno, e ha in sé una specie di potere vivificante. [...] La stessa pietra rafforza anche la conoscenza nella persona che la porta con sé, così che colui che possiede una buona conoscenza e capacità dovrebbe mettere la pietra vicino al suo cuore, e finché rimane lì, la conoscenza e la capacità non si allontaneranno da lui. [...] Poi allontana i cattivi succhi che fanno sprofondare il cuore di una persona nel dolore e lo purifica".

Testo per gentile concessione dell'editore Neue Erde da: Michael Gienger: Le pietre curative di Hildegard von Bingen