Oltre 40 anni di presenza sul mercato + produzione propria in Cina e Indonesia

Selenite - significato ed effetto del minerale

L'alabastro e la selenite possono essere compagni preziosi in questo periodo dell'anno, quando intorno a noi c'è tanta vita e attività. I disturbi e le distrazioni provenienti dall'esterno possono essere schermati in modo da mantenere il controllo e la pace con noi stessi. Le tensioni che possono sorgere si riducono, anche perché possiamo riconoscere e risolvere gli schemi che si trovano dentro di noi. Lo sguardo è rivolto verso l'interno e ci si concentra sulle proprie capacità e sui propri compiti.


Selenite e alabastro: tutto gesso?

Il gesso è un materiale che si trova principalmente nei negozi di bricolage e viene utilizzato come materiale di base per intonaci, massetti e livellanti, nonché per il cartongesso e come stucco. Se mescolato con la calce, si ottiene la calce gessata, utilizzata soprattutto per stucchi elaborati.
 
In mineralogia, il gesso o gesso spar è un solfato di calcio idrato con formula chimica Ca[SO4]-2H2O, appartenente alla classe minerale dei solfati. Dietro questa sobria definizione si celano due minerali molto conosciuti: l'alabastro e la selenite. L'alabastro è la varietà microcristallina del gesso, cioè è costituito da grani molto piccoli (10-7-10-4 cm). L'alabastro è roccioso e può raggiungere dimensioni di diversi metri. La selenite (gesso fibroso) è costituita da cristalli di gesso la cui tipica struttura allungata si nota a prima vista. Il gesso è stato scelto come roccia dell'anno 2022 dall'Associazione professionale dei geoscienziati tedeschi.

 

Profilo mineralogico della selenite

Formula chimica: CaSO4. 2 H2O+ Al,Fe,C

Classe minerale: solfato

Formazione: 200 - 300 milioni di anni fa, secondaria all'evaporazione di laghi salati; spesso anche per assorbimento di acqua dall'anidrite.

Colore: per lo più bianco, a volte grigio, rossastro o brunastro

Lucentezza: lucentezza vitrea

Sistema cristallino: monoclino

Durezza Mohs: da 1,5 a 2

Scissione: eccellente scissione

Ricorrenza, principali paesi fornitori: in tutto il mondo; i pezzi in commercio provengono per lo più dal Marocco

Aspetto: cristalli prismatici delle dimensioni di un metro; aggregati fibrosi e radianti

Uso: la selenite è una pietra decorativa molto apprezzata, ad esempio come lampada o tea light.

 


Fatti storici sulla selenite

I Romani chiamavano la selenite "lapis specularis", cioè "pietra a specchio". Nelle terme romane e nelle case dei cittadini più abbienti sono stati ritrovati vetri di finestre composti da più lastre di selenite. Grazie alle sue proprietà di scissione, la selenite era già allora facile da lavorare; all'epoca, il vetro non poteva essere reso piatto e trasparente come oggi. Nell'enciclopedia "Naturalis historia", lo studioso romano Plinio il Vecchio (23-79) descrisse l'estrazione e l'uso della selenite dopo aver visitato un giacimento di selenite in Spagna.

 

Origine del nome e sinonimi di selenite

Il nome "selenite" deriva da "Selene", la dea greca della luna. Il nome fu introdotto dal chimico e mineralogista svedese Johan Gottschalk Wallerius (1709-1785), che inizialmente lo usò per il gesso trasparente. Wallerius fu probabilmente ispirato dalla superficie iridescente, che ricorda la luce della luna. Secondo la leggenda, il nome selenite è dovuto al fatto che una quantità particolarmente elevata di selenite si trova nel chiaro di luna,

I cristalli di selenite particolarmente trasparenti e piatti sono noti anche come vetri mariani o vetri femminili, poiché un tempo venivano collocati davanti alle immagini della Vergine Maria e ad altre rappresentazioni di santi al posto di costose lastre di vetro. Altri nomi della selenite, alcuni dei quali ormai superati, sono gesso fogliare, ghiaccio femminile, vetro di gesso, gesso spar e gesso tardivo, nonché gesso di seta.


Qui potete trovare la nostra gamma all'ingrosso di articoli in selenite, ad esempio lampade, pietre da massaggio e pezzi decorativi
.

 

 

Uso della selenite

La selenite è una pietra molto apprezzata per la realizzazione di oggetti decorativi, ad esempio lampade o tea light, grazie al suo aspetto attraente e alla sua buona lavorabilità. Il contrasto visivo tra la luce calda e la pietra fredda è affascinante. Nel Feng Shui, la selenite viene talvolta utilizzata come protezione contro le vene d'acqua.

Non esistono praticamentegioielli realizzati con o a base di selenite, poiché il materiale è troppo morbido e troppo facilmente scalfibile per essere tagliato come cabochon o forato come sfera, ad esempio. La selenite non è adatta per la produzione di acqua di gemme ponendo le pietre direttamente in acqua, poiché il minerale si dissolve nell'acqua. Tuttavia, l'acqua per gemme può essere prodotta con il metodo dell'introduzione.

Non esistono testimonianze storiche sull'uso della selenite nella cura delle gemme. Oggi, la forma colonnare della selenite la rende una pietra popolare per l'allineamento dei chakra lungo l'asse del corpo, come supporto per la meditazione e per le applicazioni del Reiki. Grazie al suo colore bianco neutro e alla direzionalità delle fibre, la selenite viene talvolta utilizzata allo stesso modo dei doppi di cristallo di rocca, ad esempio per la posa di un cerchio di pietre.

Il noto naturopata e scrittore Ewald Kliegel raccomanda pietre da massaggio allungate di selenite per schermare le influenze esterne. Quando tutto ciò che è "fuori" diventa troppo, la selenite può aiutare a ritirarsi e a calmarsi (di nuovo).

Nel libro "Gli esseri di pietra nella ruota della medicina" di Stephan Bergmann e Frank Girulat, alla selenite è assegnato il tema "Lasciarsi andare e rivolgersi alla luce"; l'affermazione è "Guardo la mia vita con una pace piena di luce".

 

Qui potete trovare la nostra gamma all'ingrosso di articoli in selenite, ad esempio pietre burattate, pietre ollari e tea light.