Oltre 40 anni di presenza sul mercato + produzione propria in Cina e Indonesia

Occhio di tigre

In questo periodo dell'anno, l'occhio di tigre dorato può aiutarci a portare la luce nell'oscurità. Con il necessario distacco dai tempi frenetici, in questa fase possiamo dedicarci all'analisi di sistemi complessi e situazioni complicate. La pietra acuisce i sensi, facilita la visione delle cose e ci aiuta a prendere le decisioni giuste. In un presente pieno di sfide, l'occhio di tigre abbagliante trasmette fiducia e speranza in un futuro in cui tutto sarà più facile.
 

Profilo mineralogico

Formula chimica: SiO2 + FeOOH + (Al,Mg,Na), minerale del gruppo del quarzo della classe dei minerali ossidati
 
Formazione: idrotermale secondaria come riempimento di vene silicizzate di crocidoliti metamorfiche. Inizialmente si forma l'occhio di falco, strettamente correlato all'occhio di tigre, che in seguito si trasforma in occhio di tigre per ossidazione.
 
Colore: da giallo oro a marrone dorato, con riflessi chiari causati da inclusioni fibrose, che ricordano l'occhio di tigre. Per ulteriori informazioni, vedere "Occhio di tigre trattato".
 
Trasparenza, lucentezza: opaco, lucentezza setosa
 
Sistema cristallino: trigonale
 
Durezza Mohs: 7
 
Scissione, frattura: nessuna; fibrosa
 
Aspetto: l'occhio di tigre non forma cristalli, ma si trova come una vena di quarzo grezzo con una struttura fibrosa nella roccia.
 
Luoghi: I giacimenti più importanti di occhio di tigre si trovano in Sudafrica e nel nord-ovest dell'Australia. Gli oggetti di occhio di tigre presenti sul mercato provengono dal Sudafrica. Sebbene i giacimenti siano molto estesi in termini di superficie, le quantità di pietre grezze trovate sono limitate, poiché l'occhio di tigre si presenta solo in strati sottili di pochi centimetri. Piccoli giacimenti di occhio di tigre sono noti anche in Inghilterra, Montana (USA) e Australia orientale, con un deposito sospetto nella Riserva di San Carlos (Contea di Gila, Arizona, USA).


Potete trovare pietre burattate, fili e gioielli realizzati con l'occhio di tigre a prezzi all'ingrosso qui

Nome e sinonimi

Il minerale "occhio di tigre" deve il suo nome alla sua struttura fibrosa che, se tagliata correttamente, ha un luccichio che ricorda quello di un occhio di tigre. Il nome "occhio di tigre" è stato coniato a metà del XIX secolo per distinguere l'occhio di tigre dall'occhio di falco. Entrambe le gemme sono anche chiamate in modo fuorviante quarzo occhio di gatto o quarzo occhio di gatto, nonché pseudo-crocidolite o quarzo schiller. Altri sinonimi, oggi raramente utilizzati, sono occhio di lupo e tigre. Se l'occhio di tigre è caratterizzato da un elevato contenuto di quarzo e quindi appare di colore più chiaro, il minerale viene anche chiamato quarzo dorato.
 
 

Fatti storici

L'uso dell'occhio di tigre come amuleto risale al Medioevo. Veniva indossato contro streghe e demoni e si supponeva che proteggesse dal malocchio. Grazie all'associazione con l'occhio della tigre, la pietra era considerata una pietra fortunata per la vista. Dopo la classificazione mineralogica dell'occhio di tigre nel 1883, la pietra è stata inizialmente tagliata esclusivamente a Idar-Oberstein.
 
 

Occhio di tigre trattato

La cottura dell'occhio di tigre, cioè il riscaldamento di ciambelle, fili di collana o pietre burattate, è molto popolare. È possibile anche in forni convenzionali a temperature relativamente basse. Quando viene cotto, l'occhio di tigre assume un forte colore rosso rame, che può assumere sfumature violacee quando viene successivamente raffreddato in spirito. L'occhio di tigre rosso non si trova in natura ed è quindi sempre bruciato. Quando l'occhio di tigre viene fatto bollire nell'acido, le pietre diventano grigie e vengono erroneamente vendute come occhio di gatto al quarzo. Tuttavia, poiché entrambe le pietre grezze sono oggi ugualmente costose, questo complesso processo non viene più utilizzato.

 


Occhio di gatto e occhio di tigre - chatoyance!

In mineralogia e gemmologia, il termine "occhio di gatto" viene utilizzato per descrivere le gemme che presentano un gioco di luce piatto e iridescente. Non si tratta quindi di un minerale specifico, ma di un effetto che può verificarsi in diverse gemme. Per massimizzare questo effetto, le pietre in questione sono spesso tagliate come cabochon o sfere. In questo caso, appare una striscia di luce brillante che, muovendosi, appare perpendicolare alle fibre della gemma. Questo effetto è noto come effetto occhio di gatto o chatoyance.

L'origine del termine "chatoyance" non è stata chiarita in modo definitivo - la parola potrebbe derivare dal francese "chat" (gatto), in quanto la striscia di luce brillante sulla pietra tagliata ricorda gli occhi a fessura dei gatti. Un altro approccio si basa sull'origine della parola "chatoyer", il termine francese che indica il luccichio.
 
Il fenomeno ottico dell'effetto "occhio di gatto" è causato da numerose sottili fibre parallele (ad esempio le fibre di rutilo nel crisoberillo) o canali nella gemma, che riflettono la luce incidente perpendicolarmente al loro asse. Nel commercio al dettaglio e all'ingrosso, il termine "occhio di gatto" è solitamente utilizzato per descrivere il crisoberillo. Tuttavia, questo effetto è possibile anche in molte altre pietre oltre all'occhio di tigre e all'occhio di falco, ad esempio l'apatite, il diopside di cromo, il rubino (rubino stellato), lo zaffiro (zaffiro stellato) e la tormalina. In mineralogia, il quarzo a occhio di gatto è un quarzo bianco che presenta un effetto a occhio di gatto dovuto all'amianto (amianto di orneblenda) incarnato e disposto in parallelo. Le sostanze estranee colorano il quarzo di giallo, marrone o grigio.
 

Applicazioni nella guarigione e nel benessere con le gemme

Nelle moderne cure con le gemme, l'occhio di tigre viene utilizzato per aiutare a risolvere le difficoltà decisionali. In situazioni poco chiare, si dice che aiuti le persone a vedere il quadro generale creando una distanza da ciò che è accaduto. Rafforza la resistenza e la fermezza nelle fasi difficili della vita. L'occhio di tigre risolleva lo scoraggiamento e gli stati d'animo depressi e sostiene la fiducia che le cose andranno bene. Michael Gienger descrive la pietra in modo appropriato: "Proprio come una tigre vede nel buio, l'occhio di tigre vi aiuta a fare sempre la cosa migliore e a risolvere un problema dopo l'altro con la fiducia in un esito favorevole".
 
L'occhio di tigre è raramente utilizzato nei massaggi con le gemme. Una possibile applicazione è quella di un trattamento che permetta di calmarsi quando le cose vanno a rotoli e ne succedono molte allo stesso tempo. L'occhio di tigre fornisce la necessaria distanza dalle impressioni e dalle energie che arrivano dall'esterno, aiutando così a (ri)acquisire una prospettiva, a non perdere il coraggio e ad essere completamente se stessi. La combinazione con l'olio di gemme "Anti Stress" del concetto Gemstone Balance di Monika Grundmann ha dimostrato la sua validità durante il massaggio. L'occhio di tigre fornisce il time-out necessario per ritrovare la prospettiva. L'avventurina, il quarzo fumé e la magnesite possono poi essere utilizzati per lavorare su soluzioni semplici in modo rilassato e tranquillo.

 
 
L'occhio di tigre non dovrebbe essere indossato in modo continuativo come pietra terapeutica per più di una settimana, poiché inibisce il flusso di energia. L'occhio di tigre può essere utilizzato indefinitamente per le meditazioni in un cerchio di pietre.

Chakra e astrologia

L'occhio di tigre è assegnato al primo, il chakra della radice, e al terzo, il chakra del plesso solare. Astrologicamente, l'occhio di tigre è più adatto ai segni Leone, Gemelli e Vergine.

Potete trovare pietre burattate, fili e gioielli realizzati con l'occhio di tigre a prezzi all'ingrosso qui