Oltre 40 anni di presenza sul mercato + produzione propria in Cina e Indonesia

Sale Alexander

Stessa qualità - nuovo look!

Ilsale Alexander con un design innovativo !

Che cos'è il sale?

Il sale è fondamentalmente un composto molto semplice di due elementi. Il sodio (Na) e il cloro (Cl) sono presenti nel sale in un rapporto esattamente 1:1. Entrambi gli elementi fanno parte della "Top Twelve" delle rocce: Il sodio occupa il sesto posto nell'ordine di frequenza con una quota del 2,6% e il cloro l'undicesimo con lo 0,2%. Ciò significa che il sodio e il cloro sono relativamente comuni tra i 93 elementi naturali. Di conseguenza, anche il loro composto, il sale, non è raro. Il sale è solubile in acqua, quindi la maggior parte di esso si trova in forma disciolta negli oceani del mondo. Se gli oceani si prosciugassero completamente, lascerebbero dietro di sé un'enorme quantità di sale: l'intero fondale marino prosciugato, cioè il 70% della superficie terrestre, sarebbe ricoperto da una crosta di sostanze essiccate spessa 60 metri, di cui 47,5 metri di sale! Una quantità inimmaginabile.

 
Cosa caratterizza il sale di Alessandro?
 
Alessandro Magno fece trasportare per la prima volta questo prezioso sale cristallino naturale dall'Himalaya all'Europa intorno al 350 a.C. Nell'antichità era riservato agli dei e agli imperatori.
Grazie alla sua naturalezza, il sale di Alessandro è particolarmente adatto come sale cristallino per bagni, abluzioni, massaggi, igiene orale ecc. Il sale di Alexander viene estratto con cura, frantumato e lasciato allo stato naturale. In cucina, è diventato rapidamente indispensabile per molti utenti come sale da cucina prezioso e saporito. Il sale Alexander è disponibile a prezzi all'ingrosso in vari formati e confezioni, in modo da avere a disposizione il prodotto giusto per ogni utilizzo.

 

In tempi di sale industriale raffinato con vari additivi e di sale marino contaminato da plastica fine e altri residui, il sale fossile, depositato milioni di anni fa, sta diventando sempre più importante per una dieta equilibrata e sana. Ilsalgemma naturale proveniente dalla Salt Range del Punjab, in Pakistan, che offriamo con il nome di "sale Alexander" introdotto da Gerold Bölts, è particolarmente apprezzato e conosciuto per il suo gusto eccellente e leggermente salato e per il suo bel colore rosa, risultato di miscele di ferro naturali. Il sale Alexander di Lapis Vitalis® viene estratto con grande cura nelle cupole di sale della catena salina. Il sale estratto viene poi selezionato, lavato, macinato in diverse granulometrie, controllato e imbottigliato a mano. Vi forniamo solo sale cristallino puro e naturale, senza iodati o altri additivi.


 

Da dove viene il sale?
 
Il sale è un sedimento. I suoi componenti - sodio e cloro - erano legati ad altri minerali e rocce molto tempo fa. Sono stati disciolti da questi ultimi dagli agenti atmosferici e lavati via dall'acqua. Poiché il sodio e il cloro sono molto solubili, i sali (ioni, Na+ e CI-) rimangono nell'acqua quando questa scorre nei corsi d'acqua e nei fiumi. In questo modo, tutti i corpi idrici aggiungono costantemente nuovo sale ai grandi laghi, mari e oceani. Ma mentre l'acqua evapora per tornare alle fonti sotto forma di nuvole e pioggia, il sale rimane nelle acque senza sbocco. Non può evaporare. Si accumula quindi finché la capacità di dissoluzione dell'acqua non riesce più a trattenerlo. Precipita e si deposita sotto forma di crosta solida. Questo tipo di formazione è noto come "sedimentazione chimica", poiché una roccia ricombinata chimicamente è ora formata da sostanze di origine diversa.
 
 
Depositi di sale in Pakistan
 
Uno dei più antichi depositi di sale al mondo è la Salt Range in Pakistan, una regione montuosa composta da piccoli altopiani e bacini nella provincia del Punjab, a sud di Islamabad. Da qui proviene il sale che oggi viene venduto come "sale dell'Himalaya" o "sale di Hunza". Questo sale, che ha fino a 540 milioni di anni, si è formato durante il periodo Cambriano, un'epoca interessante in cui un'enorme varietà di esseri viventi ha improvvisamente popolato la terra. Forse da qui nasce l'idea errata che il cosiddetto "sale dell'Himalaya" provenga dal mare primordiale in cui ebbe origine la vita. Tuttavia, ciò avvenne 3 miliardi di anni prima. Le rocce saline sono relativamente "giovani" rispetto alla storia della Terra. Se confrontiamo l'età della Terra (4,5 miliardi di anni) con un anno solare, la vita è emersa alla fine di marzo (3,5 miliardi di anni fa) e il sale più antico è emerso solo a metà novembre.

 

Come viene scomposto il sale?

Il modo in cui il sale viene scomposto gioca un ruolo importante nel preservare le sue proprietà naturali. A seconda delle condizioni prevalenti, oggi esiste un'ampia gamma di modi per estrarre il sale per vari scopi.
 
Estrazione storica del sale:
Storicamente parlando, l'estrazione del sale è una delle prime "conquiste tecniche" dell'umanità. Naturalmente, è stata prima accessibile alle persone dove era esposto. Oltre all'estrazione nei laghi salati, le cui croste di sale sono direttamente accessibili, l'ebollizione del sale ha avuto un ruolo particolarmente importante. L'acqua di mare o la salamoia (soluzione salina) proveniente da sorgenti salate veniva riscaldata in pentole bollenti fino a quando tutta l'acqua evaporava e rimaneva il sale essiccato. Le saline, strutture per l'estrazione del sale tramite evaporazione o vaporizzazione dell'acqua salata, fin dall'età della pietra si trovano in Europa sulle coste dell'Atlantico, del Mediterraneo e del Mar Nero, ma anche nell'entroterra, tra l'altro a Schwäbisch Hall e Bad Nauheim. Nell'Età del Bronzo, l'estrazione del sale iniziò finalmente, dove il sale veniva trovato in cupole saline o vicino alla superficie. Questo tipo di estrazione del sale, ad esempio ad Hallstatt nel Salzkammergut, ha caratterizzato un'intera epoca culturale, il cosiddetto "periodo di Hallstatt", dal 1200 al 400 a.C.. Con l'ulteriore sviluppo dell'attività mineraria nei 2000 anni successivi, vennero estratti sempre più depositi di sale, fino a quando questo tipo di estrazione superò di gran lunga la bollitura del sale. Si gettarono così le basi che caratterizzano ancora oggi l'estrazione del sale.
 
Estrazione:
L'estrazione significa che il sale viene estratto in forma solida nel sottosuolo. A tal fine, vengono scavate delle gallerie nella roccia salina e la roccia solida viene fatta saltare. Questo metodo è il più comune e il più produttivo al mondo. Tra l'altro, la sabbiatura viene sempre utilizzata! L'affermazione che il sale di alcune miniere viene estratto esclusivamente a mano è segno di ignoranza o di marketing mirato per giustificare i prezzi elevati. L'estrazione del sale esclusivamente a mano nelle miniere non sarebbe altro che un lavoro da schiavi noioso, sgradevole e malsano! È curioso che questo fatto sobrio non venga preso in considerazione quando il " sale cristallino particolarmente pregiato, estratto esclusivamente a mano" viene pubblicizzato con nostalgico glamour. A questo punto, consigliamo vivamente di visitare la miniera di sale per chiarire i fatti. La lavorazione del sale nelle regioni minerarie del Terzo Mondo è un'attività che richiede molto lavoro manuale. Mentre l'estrazione, il trasporto, la frantumazione, la macinazione, la cernita, la pesatura e il confezionamento del sale sono in gran parte automatizzati nelle strutture ad alta tecnologia dei Paesi industrializzati, l'estrazione del sale nella Salt Range, in Pakistan, ad esempio, avviene quasi esclusivamente a mano. Tuttavia, anche l'estrazione vera e propria nelle gallerie viene effettuata con l'esplosivo! Non esiste quindi un sale "estratto" a mano, ma solo un sale "lavorato" a mano.

 

 

Il testo sopra riportato contiene estratti dal libro "SALZ - Nahrungsmittel, Heilmittel oder Gift" di Michael Gienger e Gisela Glaser.

Volete saperne di più su questo argomento e siete interessati al contenuto completo?
 
 
 
FORMULA CHIMICA, CLASSE MINERALE: NaCl, alogenuri
 
ORIGINE: sedimentaria come roccia evaporata in mari poco profondi o laghi salati, che può trasformarsi in grandi depositi e cupole saline attraverso un successivo sovraccarico
 
COLORE, LUCENTEZZA: incolore, bianco, rosa, arancione, blu, da marrone a nero, lucentezza vetrosa
 
SISTEMA CRISTALLINO: cubico
 
DUREZZA MOH: 2
 
FISSIBILITÀ: eccellente fissilità, fragile
 
ORIGINE, PRINCIPALI PAESI DI APPROVVIGIONAMENTO: Polonia, Pakistan, India, USA
 
ASPETTO: cristalli a forma di cubo, a volte con accrescimento scheletrico, ma più spesso masse da cristalline grossolane a a grana fine.
 
USO: il sale è un importante prodotto alimentare e conservante, ma anche una materia prima tecnica. Nella cura con le gemme, l'halite viene utilizzata per sciogliere i legami dei modelli di pensiero e di comportamento, come protezione e per purificare l'atmosfera della stanza (lampade di cristallo di sale).
L'halite favorisce il senso dell'ordine e del pensiero analitico nei nati sotto la Vergine e dà struttura alla vita dei nati sotto il segno dello Scorpione e dei Pesci.
 
DISPONIBILITÀ: buona